Si parla di giscover.com in un interessante articolo apparso sull’inserto Nova e sulle News in linea del Sole 24 Ore firmato da Luca Dello Iacovo.

logo Nova24 Ora! -

Incontri geo-guidati

Waaschechte Berliner è una donna di circa quarant’anni. E, ormai, è diventata una celebrità nella comunità di Qype, un social network che riunisce persone interessate alla scoperta di bar, ristoranti, negozi: ha raggiunto, infatti, ottomila voti scrivendo centinaia di recensioni, accurate e attendibili, sui locali da visitare in Germania. All’interno di Qype le classifiche dei posti più interessanti in una città sono decise attraverso i voti della community: in questo modo, le persone disegnano insieme una mappa collettiva per trascorrere il tempo libero.A fondare la rete sociale di “guide al divertimento” è stato uno sviluppatore di software tedesco, Stephan Uhrenbacher. Era convinto di avere l’idea giusta, ma aveva bisogno di un finanziamento: dopo aver bussato a tante porte, ha incontrato Philippe Collombel, francese, manager del fondo di venture capital Partech International.Da allora è stato un successo rapido: Qype ospita 700mila recensioni, soprattutto di località in Germania, Francia e Inghilterra. Da poco ha ricevuto fondi per otto milioni di euro. Ma si tratta ancora dei primi passi. Perché il social network franco-tedesco sta sperimentando una sorta di bussola attivata con il sistema gps e gli accelerometri (installati in alcuni telefonini di ultima generazione): per esempio, puntando l’iPhone in direzioni differenti, appare una lista dei locali più vicini. È un progetto sviluppato in collaborazione con Lastminute.com nru, attivo per ora in Gran Bretagna. Le sperimentazioni con i social network online immersi nel territorio possono rivelare nuovi scenari.

A Belo Horizonte, in Brasile, stanno cambiando le abitudini dei giovani con la diffusione di ToAì, una sorta di Facebook per gli appuntamenti con più di due milioni di utenti. Basta inviare dal telefonino un messaggio di testo a un numero predefinito: in breve parte un sms collettivo agli amici (inclusi nella lista dei propri conoscenti su ToAì), con data e luogo dell’incontro. E, contemporaneamente, si possono ricevere messaggi con informazioni sui negozi più vicini, a seconda dei gusti e delle amicizie nel social network. Ma il confine tra mondo online e mondo fisico diventa più sottile.

E il cambiamento dell’esperienza di “vicinanza” influisce sull’attenzione e sull’agenda affettiva. Si tratta di un’accelerazione rivelata da Google Latitude: permette di sapere se amici e colleghi sono nei dintorni, tracciando la posizione di una persona a partire dal cellulare con le tecnologie gps, wifi e le reti di telefonia mobile (2G e 3G). In tempo reale. Se in città l’approssimazione è di una ventina di metri, in campagna (e senza gps) si arriva ad alcuni chilometri. In questo modo, alle mappe degli amici si uniscono quelle di negozi, mezzi di trasporto, luoghi turistici.

Da tempo, soprattutto negli Stati Uniti, alcune comunità locali hanno iniziato a condividere i punti di interesse con servizi come Whrrl che permette di ricostruire la storia degli spostamenti di una persona inclusa nel proprio network, rivelando anche l’itinerario personale dei posti da visitare. È accessibile con browser e sms: uno dei primi finanziatori è stato Jeff Bezos, fondatore della libreria online Amazon. Ma, soprattutto negli Stati Uniti, la concorrenza è iniziata da tempo con Loopt, Brightkite, Yelp.

Per gli appassionati di sport e turismo l’uso del gps permette di tracciare percorsi da condividere con il pubblico della rete. Giscover.com è una comunità italiana dedicata soprattutto a sci, ciclismo, escursionismo, alpinismo: i suoi membri hanno pubblicato 4.860 tour in 40 nazioni, dalla “Via alpina gialla” per gli amanti del trekking al “Tour delle cinque nazioni” per chi preferisce percorrere lunghi tragitti in bicicletta. «È come viaggiare con una persona del posto» sottolinea Massimo Nicolodi, fondatore della geocommunity. E aggiunge: «Tra le nostre prossime iniziative pensiamo ai self guided tour, percorsi scaricabili con indicazioni dall’arrivo in aeroporto fino alle mete turistiche».
La collaborazione facilita la riscoperta e la riappropriazione del contesto locale: scuole e università stanno partecipando a iniziative per la mappatura dei luoghi di interesse e delle memorie nel territorio. Giscover ha anche lanciato progetti in grado di valorizzare le risorse pubbliche. Come l’unione di itinerari turistici con le mappe online della rete di bus urbana dell’Ataf, l’azienda di trasporto pubblico di Firenze. O Tancas Abertas, una raccolta di sentieri che attraversano aree interne della Sardegna.

luca.dello@gmail.com

Giovedí 26 Febbraio 2009 Tragitti. www.giscover.com Locali scelti. www. qype.com A raccolta. www.tocai.com.br